:: Girelle di pizza

Eccomi qui. Questo fine settimana ho lavorato come una pazza. Intendiamoci per fare una sorta di micro buffet per la festa di compleanno del compagno di mia mamma che faceva ben sessant’anni!

Ho preparato un sacco di cosine sfiziose (tranne l’insalata di riso che ha cucinato mia mamma) e prometto che presto presto vi metterò tutte le ricette!

20130528-211424.jpg

Iniziamo con questa che è una “rivisitazione” delle famose e ottime girelle lodigiane. Non le conoscete? Son proprio da provare perché sono di una bontà infinita! Ottime come antipasto, per un buffet o anche come piace a me chiamarlo piatto completo visto, oltre al suo apporto calorico pressoché alto, ricco di ingredienti. Non ci credete? Leggete qui sotto!

Ingredienti per 15 persone:

  • 4 rotoli di base per pizza
  • 500 gr di mascarpone
  • Grana Padano grattugiato qb
  • 1 pezzo grande di salsiccia
  • 500 gr di pomodori datterino
  • Sale qb
  • Pepe qb

Procedimento:

  • Stendete la base per la pizza e spalmatela con il mascarpone. Lasciate circa 1 cm di spazio libero di formaggio sul lato lungo della pasta perché poi dovremo chiudere la girella e dovrà aderire bene
  • Unite la salsiccia a pezzettini piccolini, spolverate con una presa di sale, pepe e Grana Padano grattugiato
  • Lavate i pomodorini e tagliateli a metà. Disponeteli sulla base di pasta della pizza già farcita
  • Arrotolate cercando di stringere il più possibile e con un coltello bagnato e ben affilato tagliate le fette
  • Disponete le girelle su una teglia rivestita di carta da forno e mettte a cuocere un forno già caldo a 200° per circa una ventina di minuti. Fate attenzione a non bruciarle. Eventualmente allungate il tempo di cottura abbassando la temperatura
  • Servite le girelle tiepide (ma anche fredd son buonissime!)

:: Risotto zafferano e salsiccia

Ecco uno dei miei risotto preferiti. Quello con lo zafferano e ancor di più se lo accompagna anche la salsiccia! Gnammmmm…tutto da gustare. L’altra mia versione in cima alla classifica è quella con il vino Bonarda (e salsiccia ovvio. Per la serie andiamo sul leggero). Come rinunciare?

Come potete notare dalla foto il risotto è un po’ palliduccio. Insomma non è un giallo intenso e la spiegazione è una: ho usato lo zafferano in pistilli e non in bustina. Se usate i pistilli (e io avevo in casa quelli che mi ha portato mio papà dall’Iran) ricordatevi di metterli in “ammollo” in acqua tiepida prima di metterli nel risotto (o in qualunque altra preparazione avete in mente). L’acqua si colorerà di giallo, e di conseguenza il riso ma non diventerà giallo intenso.

E voi quale risotto mettete in cima alla classifica?

Risotto_zafferano_salsiccia

Ingredienti per 4 persone:

  • 2 pugni di riso a testa (più uno per la pentola)
  • 1 pezzo di salsiccia
  • Vino bianco (io ho usato un Cabernet Sauvignon)
  • Mezzo scalogno
  • Zafferano in pistilli
  • Brodo qb
  • 3 cucchiai di Parmigiano reggiano grattugiato
  • Olio evo qb

Procedimento:

  • In un tegame fate rosolare lo scalogno tritato e aggiungete la salsiccia ridotta a pezzettini. Fate rosolare un paio di minuti poi aggiungete il riso. Tostatelo e sfumate con un bicchiere di vino bianco
  • Intanto in una tazzina da caffè con acqua tiepida mettete “in ammollo” lo zafferano in pistilli
  • Aggiungete un po’ di brodo e mischiate. Aggiungete poi lo zafferano (o la bustina)
  • Continuate fino a quando il riso sarà cotto. Spegnete e mantecate con il Parmigiano grattugiato (e se volete una noce – ma davvero minuscola – di burro)

:: Lunedì? Riso che ti passa. Risotto con caprino e salsiccia

Eh vabbè si sa. Il freddo piano piano sta arrivando ma io non ne sono scontenta. Anzi. Preferisco il freddo al caldo per tante buone ragioni: il freddo non fa venire le righe, il freddo fa bruciare più calorie, se hai freddo puoi continuare ad aggiungere strati ai tuoi vestiti, c’è un piumone caldo che ti aspetta a letto… e i piatti da cucinare sono anche più golosi!
Il risottino che ho realizzato per oggi prevede due ingredienti che potrebbero sembrare a contrasto ma che, invece, a mio avviso si sposano bene. Che ne dite: provate a mi fate sapere?

Ingredienti:

  • 360 gr di riso carnaroli
  • 3 formaggi caprino (mi raccomando il caprino di capra e non di latte vaccino)
  • 1 bicchiere di vino bianco
  • 1 pezzo di salsiccia
  • ½ scalogno
  • Brodo qb
  • Sale qb

Procedimento:

  • Pulite la salsiccia e riducetela a pezzi piccolini. Intanto in un tegame fate rosolare lo scalogno. Aggiungete la salsiccia, fatela dorare poi sfumate col vino bianco. Fatelo evaporare, poi unite il riso facendolo tostare
  • Aggiungete due/e mestoli di brodo ben caldo e procedete la cottura lentamente mescolando di tanto in tanto
  • A 5 minuti dal termine della cottura aggiungete i formaggi caprino. Ultimate la cottura senza aggiungere più brodo e servite ben caldo

Polpettone alla Gordon

Qualche giorno prima della Vigilia di Natale ho visto un programma con uno dei miei chef preferiti Gordon Ramsay (ah…che uomo affascinante!). In questa trasmissione ha proposto un menu natalizio di tacchino, pudding, polpettone (che poi sarebbe il ripieno del tacchino), cavolini di Bruxelles, patate, salmone…e non ricordo più. Tra le tante cose mi ha colpito proprio quel “polpettone” che però io ho semplificato e reso più in chiave italiana poiché la ricetta originale prevedeva mele, albicocche, limone…[è bene dirlo fin da ora: non mi piace mischiare sapori dolci con la carne. Potrà sembrare strano ma non mi piacciono nemmeno le marmellate e i mieli con i formaggi]. Ecco perché polpettone alla Gordon! So che il procedimento può sembrare un po’ difficile ma vi posso assicurare che non è così.

Ingredienti:

  • 350 gr di carne macinata
  • 1 pezzo di salsiccia
  • 30 pistacchi non salati
  • 1 uovo
  • 12 foglie di salvia
  • Sale q.b.
  • Pepe q.b.

Preparazione:

  • Tritate i pistacchi
  • In una ciotola capiente mettete la carne macinata, l’uovo, sale, pepe e i pistacchi tritati e mischiate bene il tutto
  • Preparate un foglio di carta stagnola e ungete il centro con un po’ di olio d’oliva. Lavate la salvia e disponete due foglie affiancate facendo in modo che il fondo di una foglia sia sovrapposto con l’inizio di un’altra foglia. Formate una fila in linea con le altre foglie rimaste. Quello che dovete creare è un letto di foglie di salvia
  • Prendete un po’ di carne trita e disponetela sulle foglie di salvia fino a coprirle tutte. Con il dito tracciate un solco
  • Tagliate un pezzo di salsiccia lungo quanto la carne macinata stesa sulla salvia. Togliete la pelle e adagiatela sulla carne trita
  • Coprite la salsiccia con l’altra carne trita rimasta
  • Aiutandovi con la stagnola chiudete ben stretto, arrotolate e formate una caramella. Torcete fino a ottenere un cilindro perfetto
  • Prendete una pirofila e mettete un po’ d’acqua (circa un dito) e dentro il polpettone con la stagnola
  • Informate a 200 gradi per 45 minuti